CELIACHIA IN VALIGIA, NO PROBLEM!


Negli anni la mia valigia è cambiata, cambiano le mode e la tendenza, ma oggi porto sempre con me la celiachia, ecco come ho risolto il problema.

Costumi e asciugamani da mare, look da montagna, abiti comodi per visitare una città alla scoperta di musei e luoghi storici: tralasciando la meta del viaggio, per chi soffre di intolleranza al glutine organizzare una vacanza può essere stressante. Ma niente panico perché, dopo un po’ di esperienza, si impara a gestire questo strano compagno di viaggio e la celiachia in valigia non è più il terribile spauracchio che sembrava inizialmente. Si può viaggiare e ci si può divertire in relax, basta avere consapevolezza, buonsenso e organizzazione.

viaggiare celiaci no problem

Celiachia in valigia: viaggiare senza glutine e con bagagli leggeri

Partiamo da una considerazione di base, cioè che gli ostacoli più grandi si trovano, in genere, nella nostra mente. Detto questo, la celiachia non è una condizione momentanea: dal momento della diagnosi, come ben sapete, si è celiaci per tutta la vita, quindi è necessario trovare dei piani alternativi per fare in modo che questa intolleranza non pregiudichi le nostre giornate e i nostri momenti di relax. Certo, all’inizio non la pensavo così e non avevo tanto ottimismo, perché i pasti fuori casa sono una delle paure peggiori, per il celiaco. Ma viaggiare è uno dei più grandi piaceri della vita e se per farlo devo rinunciare a un paio di magliette in valigia, per lasciare posto a cracker e altri prodotti senza glutine “per le emergenze”, sono più che disposta a farlo.

Vacanze gluten free:

Offrire dei menù gluten free non è obbligatorio per legge, quindi quando si viaggia è molto facile imbattersi in locali che non dispongono di questa alternativa. Nelle grandi città è più semplice trovare un ristorante che faccia al vostro caso, nei luoghi piccoli può esserci qualche difficoltà, invece, ma sul sito dell’AiC (Associazione italiana celiachia) potrete trovare un elenco di tutti gli esercizi italiani certificati gluten free, una mappatura realizzata nell’ambito del progetto Alimentazione Fuori Casa.

In generale, se viaggiate in Italia le difficoltà sono minori, primo perché la conoscenza linguistica è dalla vostra, secondo perché, di media, si è più documentati sul problema: questo significa che la vostra valigia per celiaci potrà alleggerirsi, perché potrete contare sul fatto che l’acquisto del cibo in loco non sarà troppo difficile. Portate ugualmente con voi degli snack per il viaggio, ma lasciate pure a casa pacchi di pasta o farina.

All’estero le cose si fanno leggermente più complesse: non in tutti i Paesi è facile trovare cibo senza glutine, così come dei locali che lo servano. Per questo è molto importante informarsi in anticipo, e capire se è necessario portare dietre qualche “scorta” alimentare, almeno per il primo giorno di permanenza.

Viaggiare in aereo

Se dovete raggiungere una meta in aereo, tenete presente che ormai molte compagnie aeree offrono pasti senza glutine: sui voli intercontinentali, in genere, non ci sono problemi. Per quanto riguarda i low cost, invece, così come i voli a breve o media tratta, la situazione è diversa, perché l’organizzazione non è ancora la top. In particolare, potrebbe capitare di non trovare neppure degli snack gluten free, quindi può tornare utile aver portato in valigia qualcosa da sgranocchiare durante il viaggio. Fette biscottate, biscotti, merendine, scegliete voi: l’importante è ricordare di lasciarle nel bagaglio a mano.

viaggiare gluten free

Durante la pianificazione potete consultare i siti web per scoprire se ci sono online delle informazioni a riguarda, ma per evitare sorprese spiacevoli e sapere già come muovervi, il mio consiglio è quello di contattare la compagnia dopo la prenotazione via mail o per telefono. In questo modo potrete avere direttamente da loro le informazioni e segnalare le vostre esigenze, proprio perché, come abbiamo appena ricordato, non tutte servono menù per celiaci.

Viaggiare in nave

Per quanto riguarda i viaggi in nave, c’è un’ottima notizia: le maggiori compagnie italiane, MSC e Costa Crociere, sono perfettamente organizzate per gli ospiti celiaci. MSC collabora con l’AiC e ha a bordo del personale specializzato che può garantire la totale sicurezza dei pasti serviti, con un ricco menù dagli antipasti al dolce e la possibilità di avere il pranzo al sacco senza glutine per le escursioni a terra.

Anche Costa Crociere offre la entrambe queste possibilità, sia il menù a bordo che il pranzo al sacco. Al momento della prenotazione, fate presente la vostra esigenza, poi non vi resta che godervi la vacanza.

Viaggiare in treno

La vostra meta è raggiungibile in treno? Se avete scelto un treno a lunga percorrenza, come Frecciabanca, Frecciarossa e Frecciargento di Trenitalia, accanto ai menù tradizionali è disponibile quello gluten free. A bordo si può inoltre fare uno spuntino con degli snack adatti ai celiaci. Nella classe Business e nella Premium di Frecciarossa e Frecciargento ai passeggeri viene offerto anche un welcome drink gratuito con snack gluten free. Tutti i prodotti sono stati approvati dall’AiC, nell’ambito del progetto Alimentazione Fuori Casa. Anche sui treni Italo potrete trovare dei pasti senza glutine, serviti direttamente al vostro posto nella carrozza.

Viaggiare in auto

Il viaggio in auto è la scelta che vi permetterà di non rinunciare né a scarpe e vestiti in quantità, né a una vera e propria scorta di cibo gluten free, per avere non solo la sicurezza di mangiare senza preoccupazioni, ma anche seguendo i vostri gusti. Molte volte, infatti, le alternative disponibili anche in locali e ristoranti sono davvero limitate. In auto, invece, non avrete di certo problemi di spazio. Il mio consiglio è di scegliere questo mezzo di trasporto quando la località non è particolarmente distante e se si tratta di un posto non molto frequentato e turistico, dove ipotizzate che avrete difficoltà a mangiare. Soprattutto, scegliete l’auto se la struttura in cui alloggerete è dotata di cucina. In questo caso, infatti, avere già a disposizione molti alimenti potrebbe essere addirittura un modo per risparmiare tempo, invece di impazzire a cercare un negozio con prodotti gluten free.

Un’ultima cosa da tener presente per i viaggi in auto: le catene Autogrill e MyChef mettono a disposizione piatti e snack totalmente gluten free nei punti ristoro situati lungo le autostrade, con alimenti inseriti nel Prontuario AiC.

Alla brutta, per una vacanza particolarmente lunga in Paesi in cui sapete di trovare difficoltà nel reperire alimenti senza glutine, potrete preparare un piccolo pacco da spedire alla struttura che vi ospiterà. In questo modo, sarete certi di poter contare su una scorta personale, senza patemi d’animo. Si tratta, ovviamente, dell’ultima spiaggia, perché il bello dei viaggi è anche la scoperta del cibo locale e, per fortuna, in molti Paesi esistono diversi piatti tipici che naturalmente non contengono glutine.

Cosa aspettate a preparare la vostra valigia e partire per il prossimo viaggio, naturalmente gluten free?

al mare gluten free


Comments are closed.