Le App della Regione Marche

La Regione Marche ha creato 6 fantastiche App tematiche per scoprire ed approfondire la conoscenza delle Marche.

6 temi che riguardano diversi aspetti che possono portare un visitatore in questa splendida regione:

– Marche in blu

17 bandiere blu che certificano la qualità delle acque e dei servizi, 180 chilometri di costa, 26 località si affacciano sul Mare Adriatico, il porto marittimo di Ancona e 9 porti turistici: offerta certificata di qualità per la vacanza al mare

– Made Marche

Esistono tanti buoni motivi per scoprire e visitare Ie Marche, una regione davvero sorprendente che ha saputo mantenere quell’atmosfera un po’ appartata che sa di tradizioni e rispetto del proprio passato, capace di stupire e affascinare anche il visitatore più esigente.  Quindici vini Doc e cinque Docg accompagnano i piatti tipici a base di pesce o di carne della cucina locale. Nelle Marche ogni collina ha il suo vino e ad ogni mutazione del paesaggio corrispondono aromi più o meno intensi e decisi: da quello del pesce fresco dell’Adriatico ai “saporosi” formaggi, salumi, olio d’oliva, pasta e carni delle dolci colline, fino a giungere ai monti dell’Appennino dove predominano i forti sapori dei salumi, dei rinomati formaggi, dei pregiati tartufi e funghi. Le Marche offrono anche interessantissime opportunità di percorrere veri e propri itinerari attraverso i luoghi dell’operosità e dell’artigianato tipico, rinomati outlet della moda e dell’abbigliamento. Un modo nuovo per esplorare il territorio e riscoprire le eccellenze delle migliori realtà produttive locali.

– Spiritualità e Meditazione

Da Loreto alle abbazie e santuari diffusi 

Le Marche, che hanno  accolto la Santa Casa di Loreto, definita da Giovanni Paolo II  il vero cuore mariano della cristianità, sono una terra di santi, beati e papi che hanno segnato la storia e la cultura regionale facendo fiorire centri di spiritualità diffusi lungo le valli marchigiane o in luoghi appartati, nel cuore degli Appennini, a contatto con la natura e con Dio. Camaldolesi, cistercensi e francescani sulla scia di S. Francesco d’Assisi hanno costellato il territorio di monasteri, abbazie e conventi, alcuni dei quali aprono ancora oggi le loro porte a ospiti e visitatori come un tempo le aprivano ai pellegrini e viandanti. Le città d’arte hanno visto crescere ed ampliare le Cattedrali, oggi vere e proprie chiese museo, mete di visitatori e amanti della cultura. Visitare le Marche attraverso il patrimonio religioso conservato e restaurato è un’esperienza indimenticabile, una vacanza per il cuore e per la mente.

– Parchi e Natura Attiva

Il patrimonio naturalistico marchigiano è davvero imponente: 2 parchi nazionali (Monti Sibillini e Gran Sasso e Monti della Laga),4 parchi regionali (Monte Conero, Sasso Simone e Simoncello, Monte San Bartolo e Gola della Rossa e di Frasassi), insieme a 6 riserve naturali (Abbadia di Fiastra, Montagna di Torricchio, Ripa Bianca, Sentina, Gola del Furlo e Monte San Vicino e Monte Canfaito) e molto altro. Le montagne delle marche e i loro torrenti sono una splendida occasione per praticare tutti gli sport invernali ed estivi come canoa, kayak,rafting, volo libero, speleologia e torrentismo. La natura marchigiana offre ampi spazi anche al cicloturismo, al golf, all’equitazione e alla vela.

– Dolci colline e Antichi Borghi

I borghi delle Marche sono luoghi di un’altra dimensione, rimandano ad una vita in equilibrio con i ritmi naturali delle stagioni e in armonia con la natura. Sono luoghi di storia e tradizione, di relazione con uno spazio e un tempo a misura d’uomo. Luoghi che sanno accogliere il visitatore con calore.  22 sono i borghi marchigiani riconosciuti fra “I borghi più belli d’Italia” dall”Associazione Nazionale Comuni Italiani. Il ricco entroterra marchigiano è anche costellato di riconoscimenti prestigiosi come le Bandiere Arancioni e le Bandiere Verdi.

– The Genius of Marche

Le Marche sono un museo diffuso,  una rete di città d’arte e borghi storici incastonati in un mare di colline coltivate, che si affacciano su vallate che vanno dal mar Adriatico all’Appennino, dove sono conservati capolavori di Piero della Francesca e Lorenzo Lotto, Rubens e Tiziano, teatri e strade romane, botteghe di ceramica. Una regione dove la cultura è a monte della catena del valore, millenaria e interiorizzata nel modus operandi, nello stile di vita, nei prodotti finali del tessuto economico regionale.

Le 6 app si possono scaricare sia per Android che iOs, cosa aspetti?! Vieni a conoscere questa meravigliosa regione!

Comments are closed.