Turismo Lento: conoscere e rispettare il territorio

Mai come quest’anno abbiamo capito quanto sia straordinario viaggiare. Avere l’esigenza di uscire e staccare la spina dopo settimane di stress e quarantena. Ciò che conta è adottare i giusti comportamenti per quest’estate e continuare a seguire le regole che ci sono state fornite dalle autorità. Viste le norme vigenti e la ricerca di una vacanza sicura ed affidabile, il turismo lento rappresenta un’ottima occasione per tornare a viaggiare e goderci una vacanza memorabile. Ma cosa si intende per turismo lento?

turismo lento natura viaggiare postcovid19

Chi va piano va sano e va lontano

Il turismo lento ha come obiettivo l’esperienza di un nuovo tipo di vacanza, che sia in primo luogo sostenibile e che valorizzi a pieno lo spirito delle città in cui si è ospiti. La sostenibilità è quindi il punto cardine del turismo lento, il quale cerca di combattere l’inquinamento e favorire la conservazione delle piccole tradizioni locali. È una pratica che sta riscuotendo molto successo negli ultimi anni, dove la valorizzazione del patrimonio culturale e quello ambientale vengono poste al centro. Il turista che si appresta a questa nuova vacanza, è un turista responsabile, che ha la possibilità di vivere esperienze autentiche, rispettando l’ambiente, trovando pace e serenità nel viaggio.

viaggiare paesaggi naturali escursioni turismo sostenibile green tourism turismo lento

Il turista lento è colui che sceglie la meta delle vacanze spostando l’attenzione dalle destinazioni più conosciute alle piccole realtà incontaminate, puntando tutto sul rispetto del territorio in cui si trova. I viaggi lenti permettono ai visitatori di godere di una vacanza all’insegna del contatto con la natura e con gli abitanti del posto. Vivere le esperienze e abitudini di chi abita nei luoghi scelti per trascorrere le vacanze è infatti una grande occasione per arricchire il nostro bagaglio culturale.

tradizione artigianato turismo sostenibile turismo lento arte cultura tradizione

Opportunità di turismo lento

Osservare i paesaggi e conoscere le tradizioni legate ai residenti, muovendosi tra una meta e l’altra, senza fretta. Questa nuova forma di turismo fa sì che il turista e il residente possano beneficiare entrambi del territorio e convivere in perfetta sintonia.

cammini in italia escursioni viaggiare postcovid19

Il paese in cui viviamo e che ci apprestiamo a visitare quest’anno, ci propone infatti moltissime attività all’aria aperta. Che sia un’escursione in montagna, una pedalata con tutta la famiglia, un giro a cavallo nei boschi o una passeggiata nei vicoli di piccoli borghi, le opportunità che il turismo lento offre ai viaggiatori sono innumerevoli. Infinite possibilità di scelta tra i cammini che si possono intraprendere in Italia, tra un borgo e l’altro, alla ricerca della serenità. Sentieri e percorsi che ci guideranno alla rinascita e al viaggio spirituale dentro noi stessi.

Cerchiamo di cogliere la palla al balzo quest’anno! Viaggiamo in maniera sostenibile, stiamo attenti all’ambiente e viviamo esperienze nuove a contatto con la natura. Come per esempio alloggiare in un campeggio o in una struttura glamping se non vogliamo rinunciare al comfort. 


campeggio aria aperta turismo lento turismo green turismo sostenibile

Come nasce l’esigenza di fermarsi e rallentare 

Lo slow tourism (anglicismo che sta ad indicare il turismo lento appunto) nasce in contrapposizione ad un fenomeno conosciuto come turismo di massa. Ad oggi, uno dei principali problemi per le destinazioni turistiche, è rappresentato infatti dal sovraffollamento e il consumo non attento delle attrazioni. Famose città d’arte come Venezia e Firenze vengono invase da milioni di turisti. Questi fanno delle vere e proprie scorpacciate di “cose da non perdere” e tendono a non rispettarle.  E quale migliore attività può essere inserita nel contesto postCOVID19, se non il turismo lento?! Evitare luoghi affollati e mezzi di trasporto gremiti di gente, ci aiuterà anche a rispettare le giuste distanze ed arginare la diffusione del contagio del virus. Il tutto, esplorando nuovi luoghi e praticando attività outdoor.

gola del furlo trekking escursioni attività outdoor viaggiare postcovid19

Benefici di una vacanza lenta

Un itinerario che rispetti l’ambiente e allo stesso tempo ci permetta di assaporare delizie tipiche e curiosare tra le particolarità del luogo che stiamo visitando, può risultare in una vacanza perfetta. Conoscere e apprezzare nuove terre con la guida e i consigli di chi vi abita, è un valore aggiunto non indifferente. Le storie che nascono dall’incontro e lo scambio di informazioni tra turisti e residenti, danno vita ad emozioni autentiche, che ci porteremo dietro anche al ritorno dalle vacanze. 

Oltre al rispetto delle comunità locali, attraverso il turismo lento, potremmo riscoprire le bellezze paesaggistiche e la passione per alcuni sport. Il contatto con la natura ci permette di riprendere quel tempo che rincorriamo tutto l’anno. La vita scorre a ritmi frenetici e non sempre ci rendiamo conto di quanta bellezza troviamo intorno a noi.

relax benessere turismo lento

Viaggiare con calma, in bici o a piedi, senza avere limiti e orari, ci regalerà pace e serenità. Oltre ai momenti memorabili che vivremo, il nostro corpo potrà beneficiare di questo movimento a media entità sia a livello fisico che mentale. Questa nuova vacanza ci aiuterà ad eliminare lo stress e a migliorare l’umore, azzerando i pensieri, godendoci tutto ciò che la natura ci offre. Insomma, le ragioni per scegliere una vacanza all’aria aperta sono molteplici. Una vacanza a contatto con la natura senza fretta sarà una vacanza indimenticabile!

Comments are closed.